IPSOA Quotidiano - Fisco

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Fisco
  1. Le somme recuperate alle casse erariali nel 2018 da parte dell’Agenzia delle Entarte, attraverso la combinazione degli strumenti di compliance e di accertamento, sintetizzano anche un valore etico. Lo ha dichiarato il Ministro dell’Economia e delle Finanze Tria che ha evidenziato come l’Agenzia delle entrate abbia adottato soluzioni organizzative in coerenza con una strategia che mira ad accompagnare alle tradizionali funzioni di contrasto dell’evasione e dell’elusione fiscale, un’attività di supporto e servizio ai contribuenti, che si traduce in un dialogo costante con i cittadini e con il mondo delle imprese, anche al fine di incrementare l’adempimento spontaneo e ridurre le controversie.
  2. Le nuove modifiche agli indici sintetici di affidabilità fiscale, applicabili al periodo di imposta 2018, individuano gli indici di concentrazione della domanda e dell’offerta per area territoriale, necessari per tener conto - in relazione alla collocazione territoriale - di situazioni di differente vantaggio competitivo o di differente svantaggio competitivo. Con il D.M. 27 febbraio 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 marzo 2019, il Ministero dell’Economia e delle finanze individua le misure di ciclo settoriale necessarie per tener conto dell’andamento congiunturale.
  3. Il cedente può esercitare il diritto di rivalsa nei confronti di una stabile organizzazione nonostante l’originaria fattura sia stata emessa nei confronti della posizione IVA del cessionario non residente, laddove quest’ultimo abbia successivamente costituito in Italia una stabile organizzazione. Lo ha specificato l’Agenzia delle Entrate con il principio di diritto n. 10 del 18 marzo 2019.
  4. Alla determinazione del reddito agevolabile del patent box concorrono tutti i costi fiscalmente deducibili sostenuti da una società, connessi ai componenti positivi derivanti dall’utilizzo indiretto del bene immateriale, compresi i costi derivanti dalle prestazioni professionali di ricerca e sviluppo eventualmente svolte dai soci. Lo ha chiarito l’Agenzia dell’Entrate con la risposta a interpello n. 76 del 2019. Tuttavia, nel caso di prestazioni professionali di ricerca e sviluppo svolte dai soci, occorre che, ai fini della tassazione agevolata, questi ultimi fatturino alla società le prestazioni rese.
  5. La società cooperativa agricola di conferimento può emettere la fattura per ogni singolo socio utilizzando una distinta numerazione per ciascun conferente (es. 1/Cop__, 2/Cop__, ecc). Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nelle risposte a istanza di consulenza giuridica n. 10, n. 11 e n. 12 del 2019. Le fatture emesse dalla cooperativa per conto del socio risulteranno così progressive con riferimento al singolo socio, e saranno distinte da tutte le altre fatture emesse dal socio stesso ad altri clienti, che seguiranno una numerazione progressiva diversa. In questo caso occorre inserire i dati della cooperativa e indicare che l’emittente è il “Cessionario/committente”.