banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

pagopa2

directio

IPSOA Quotidiano - Fisco

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Fisco
  1. È in attesa di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale il D.M. 9 maggio 2022, con cui il Ministero dell’Economia e delle finanze provvede all’aggiornamento dei coefficienti, per l'anno 2022, per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, ai fini del calcolo dell'imposta municipale propria (IMU) e dell’imposta sulle piattaforme marine (IMPi).
  2. La modifica operata dal decreto PNRR 2 in merito all’ambito soggettivo della fatturazione elettronica si riflette in modo automatico sull’obbligo di trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni effettuate con soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato. Per effetto, poi, delle novità introdotte dalla legge di Bilancio 2021, per tali operazioni, compiute dal 1° luglio 2022, i soggetti in precedenza esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica dovranno effettuare l’invio dei dati utilizzando le stesse modalità tecniche attualmente previste per la fatturazione elettronica.
  3. Rivedere lo schema di disegno di legge sulla riforma del processo tributario, di prossima approvazione da parte del Consiglio dei Ministri: il testo, pur evidenziando molti punti da sempre caldeggiati, presenta tuttavia criticità il cui superamento è indispensabile ai fini del buon esito della riforma. E’ quanto richiede l'ANC con un comunicato stampa del 16 maggio 2022. L’esclusione dalla possibilità di accesso anche a coloro che sono in possesso di diploma di laurea specifica in materia tributaria suscita molte perplessità, in quanto in un ambito tanto delicato e specialistico come il processo tributario, non è pensabile che l’organo giudicante non abbia conoscenze specifiche in tema fiscale, contabile, aziendale.
  4. Solo le pubbliche amministrazioni - e, quindi anche il Consiglio di Disciplina territoriale - in presenza dei presupposti previsti dall’art. 6 del GDPR quali l'esistenza di "un obbligo legale" oppure "esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri", possono procedere alla registrazione delle sedute, mentre nessuna facoltà in tal senso può essere consentita al soggetto incolpato. Lo ha chiarito il CNDCEC con il Pronto Ordini n. 99 del 12 maggio 2022.
  5. Non sussiste uno specifico obbligo per l’Ordine di rendere pubbliche le singole preferenze espresse in favore di ciascun candidato, potendo l’Ordine scegliere discrezionalmente se provvedere o meno. Lo ha chiarito il CNDCEC con il Pronto Ordini n. 103 del 12 maggio 2022. L’indicazione degli eletti appare rientrare nell’ambito di applicazione del D.Lgs. n. 33/2013 allorquando prevede l’onere di pubblicare sul sito internet dell’ente documenti, informazioni e dati concernenti l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni al fine di adempiere agli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni.