banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

pagopa2

directio

IPSOA Quotidiano - Fisco

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Fisco
  1. Il Decreto legislativo che modifica il testo unico delle accise è stato approvato in esame preliminare in Consiglio dei Ministri n. 31 del 29 luglio 2021, al fine di recepire la direttiva (UE) 2020/262 che reca disposizioni sul regime sospensivo dell’accisa, sull’individuazione del momento in cui sorge l’obbligazione tributaria in materia di accisa e sulla previsione di soglie comuni relative alla perdita parziale dei prodotti sottoposti ad accisa durante il trasporto. Si tratta di uno dei quindici decreti legislativi di attuazione di norme europee approvati, in esame preliminare, dal Consiglio dei Ministri.
  2. Con riferimento al canone per l'occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile dei comuni e delle città metropolitane, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate, al fine di procedere al corretto calcolo della tariffa occorre suddividere la stessa per ventiquattro e poi moltiplicare per il numero di ore di effettiva occupazione, purché inferiore o uguale a nove ore. Lo ha chiarito il Ministero dell’Economia e delle Finanze con l’emanazione della risoluzione n. 6 del 28 luglio 2021.
  3. Se il contribuente è in regola con il versamento delle rate della rottamazione ter e/o del saldo e stralcio in scadenza nell’anno 2019, con il nuovo servizio di Agenzia delle Entrate–Riscossione può verificare se - nei documenti (cartelle/avvisi) inclusi nel piano di pagamento della definizione agevolata - sono presenti carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, rientranti tra quelli di importo residuo fino a 5.000 euro, calcolato alla data del 23 marzo 2021, per i quali la legge ha previsto l’annullamento automatico.
  4. I dati dei contributi a fondo perduto erogati dall'Agenzia delle Entrate non vanno indicati nel prospetto aiuti di Stato del modello IRAP. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con l’aggiornamento delle FAQ sulle dichiarazioni IRAP 2021. Le somme erogate da altre amministrazioni, ad esempio l’indennità pari a 600 euro erogata da INPS agli iscritti ala previdenza di artigiani e commercianti, non vanno indicate nel prospetto Aiuti di Stato in quanto non si tratta di aiuti fiscali automatici.
  5. Per i contributi a fondo perduto erogati dall’Agenzia delle Entrate, nel prospetto Aiuti di Stato non va riportato alcun importo, neppure il risparmio d’imposta conseguente alla loro detassazione. Lo ha reso noto l’Agenzia delle Entrate con l’aggiornamento delle FAQ sui modelli Redditi PF, SP, SC ed ENC. L'Agenzia ha precisato che Il software di compilazione messo a disposizione dei contribuenti non consente l'indicazione nel prospetto Aiuti di Stato dell'importo dei contributi a fondo perduto erogati dall'Agenzia in quanto il dato non è necessario perché recuperabile.