banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

pagopa2

directio

IPSOA Quotidiano - Lavoro

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Lavoro
  1. La microimpresa che occupa un lavoratore “in nero” e viola norme prevenzionistiche può incorrere nella sospensione dell’attività imprenditoriale. A chiarirlo è l’Ispettorato nazionale del lavoro con la nota n. 162 del 2023. In particolare, si tratta delle violazioni indicate nell’Allegato I del D.Lgs. n. 81 del 2008, ivi compresa la mancanza del documento di valutazione dei rischi o della nomina del responsabile del servizio prevenzione e protezione che, da sole, sono sufficienti a giustificare l’adozione del provvedimento interdittivo. A seguito delle nuove indicazioni dell’INL quali potrebbero essere gli impatti a livello ispettivo per le microimprese? Quali sono le sanzioni previste per l’inosservanza del provvedimento?
  2. La legge di Bilancio 2023 ha istituito Quota 103, mantenuto e rimodulato la sperimentazione dell’Ape sociale e di Opzione donna. Il problema pensioni resta. Gli argomenti posti sul tavolo dai sindacati riguardano, principalmente, la flessibilità rispetto ai paletti della legge Fornero. Se vogliamo superare la legge Fornero, qual è l’unica soluzione? Introdurre un criterio di anticipo flessibile per accedere alla pensione. Molte proposte sono circolate: 62, 63 o 64 anni, con un diverso impatto sui costi. Ma questo anticipo flessibile deve, a mio avviso, essere strutturale e universale. Cioè, riguardare tutti i lavoratori, per alcuni con una flessibilità su misura!
  3. A partire dalla mensilità retributiva di gennaio 2023, i datori di lavoro sono alle prese con la gestione dell’esonero contributivo che spetta ai lavoratori dipendenti del settore privato, secondo quanto previsto dalla legge di Bilancio 2023. Alla luce anche delle prime indicazioni fornite dall’INPS, con la circolare n. 7 del 2023, è possibile analizzare, nonché fornire soluzioni, in merito alle principali criticità che i datori di lavoro possono incontrare con riferimento al cumulo con altri esoneri, agli effetti sul cuneo fiscale, all’applicazione su quattordicesima mensilità e su elementi variabili della retribuzione, nonché sul cumulo tra rapporti di lavoro. Alcuni esempi di calcolo possono essere di aiuto.
  4. L’INPS, nel messaggio n. 530 del 2022, rende nota la convenzione tra l’INPS e i Centri di assistenza fiscale (CAF) per l’attività di raccolta e trasmissione delle domande di reddito di cittadinanza (RdC), di pensione di cittadinanza (PdC) e delle comunicazioni (modelli RdC – PdC Com) per l’anno 2023. I pagamenti per il servizio reso dai CAF sono gestiti dalla Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile, alla quale i soggetti convenzionati sono tenuti a trasmettere le fatture esclusivamente in formato elettronico attraverso il sistema di interscambio (SDI).
  5. L’INPS, con circolare n. 12 del 2023, ha comunicato i valori aggiornati per il 2023 dei minimali e massimali di contribuzione e delle aliquote contributive dovute dai lavoratori iscritti alla gestione separata. La disciplina riguarda sia i lavoratori autonomi, per i quali l’aliquota è prevista nella misura del 33%, sia i professionisti senza cassa, per i quali l’aliquota è fissata nella misura del 25%, sia i collaboratori.