banner area riservata

ORDINE

MODULISTICA

pagopa2

directio

IPSOA Quotidiano - Impresa

logo quotidiano
RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Impresa
  1. L'estate, prima dell'inizio delle ferie parlamentari, ha visto sempre provvedimenti dell'ultima ora e di forte contenuto. Farà eccezione l'estate 2022, vittima di altre urgenze e della crisi che porterà alla prova elettorale e che ha fatto (almeno) slittare riforme importanti, imposte anche dal PNRR; riforme di natura strutturale, in settori strategici del diritto e dell'economia e tutte da realizzarsi in tempi brevi e, comunque, entro l'anno. Si confida, quindi, che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo si impegnino in un autunno-inverno di riforme, almeno in quelle promesse durante la campagna elettorale. L’obiettivo? Un sistema giuridico e giudiziario che funzioni (nel tributario, nel mondo del lavoro, nel societario, nel civile, nel penale). Il legislatore prossimo venturo deve avere idee chiare. Resta ferma, però, la necessità che le leggi siano rispettabili.
  2. Taglio del cuneo fiscale per redditi medio bassi, anticipo della rivalutazione delle pensioni, estensione del bonus da 200 euro ai lavoratori che fino ad ora ne erano rimasti esclusi, proroga dello sconto sulle accise dei carburanti, misure per fronteggiare l’emergenza idrica. Ma anche crediti d’imposta per le imprese e innalzamento del tetto dei fringe benefit esentasse a 516 euro. È questo, in estrema sintesi, quanto risulta dalla bozza del decreto Aiuti-bis, varato dal Governo, nel Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2022, in cui non trova spazio l’attesa proroga dello smart working per i lavoratori fragili.
  3. Un decreto ambientale del MiTE (Ministro della transizione ecologica) stabilirà gli importi che il contravventore dovrà pagare per estinguere gli illeciti amministrativi e penali in materia di tutela ambientale, sempre che si tratti di violazioni che non abbiano cagionato né danno né pericolo concreto e attuale alle risorse ambientali, urbanistiche o paesaggistiche protette. È quanto prevede il decreto PNRR 2 convertito in legge. Il provvedimento specifica che nella fase di verifica dell'adempimento e dell'irrogazione della sanzione, quando il contravventore abbia adempiuto alla prescrizione, l'organo accertatore lo debba ammettere a pagare in sede amministrativa, nel termine di trenta giorni, una somma pari a un quarto del massimo dell'ammenda stabilita per la contravvenzione commessa. Qual è il procedimento per l’estinzione degli illeciti?
  4. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 179 del 2 agosto 2022, il decreto 1 luglio 2022 del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili che individua i criteri per la determinazione dei costi per gli accertamenti di laboratorio e le verifiche tecniche. Il decreto entra in vigore il 3 agosto 2022.
  5. Gli scarti inerti dell'edilizia cessano di essere un rifiuto, ma solo a determinate condizioni. A dettarle è un nuovo decreto, datato 15 luglio 2022, firmato dal ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani. Il provvedimento, molto atteso dalla filiera, fissa i paletti affinché cessi di essere considerato rifiuto (End Of Waste) l'aggregato recuperato derivante da costruzione e demolizione. L'aggregato recuperato deve soddisfare i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispettare la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti. Si tratta, in totale, di 29 parametri da rispettare, con unità di misura e concentrazione limite. L’operazione di recupero può consistere semplicemente nel controllare i rifiuti per verificare se soddisfano i criteri adottati per specifiche tipologie di rifiuto.